giovedì 6 novembre 2008

Conclusioni III


La Seicento non è che va piano.
E' che aspetta il momento giusto per lo sprint