martedì 23 dicembre 2008

'93 - Finché Morte non vi Separi

Alla mia macchina ho dato un nome.
L'ho chiamata Amanda.
Perchè proprio Amanda?
Bè, alcuni lo capiranno da soli, altri no.
E saranno cazzi loro, perchè non starò qui a spiegarlo.

Credo che ogni macchina debba avere un nome, proprio come un figlio. Alla fine la si usa, ci si affeziona, ci si parla durante i momenti di traffico, o quando alla radio passano solo della grande merda. Bè, io con Amanda ci parlo tanto, ma ultimamente abbiamo avuto un po' di problemi.
Dico "abbiamo" perchè, nel bene o nel male, ci condivido tutto.

Una persona mi ha detto che "non può esistere una sfiga così grande appoggiata sulle spalle di qualcuno."
E invece posso assicurare a tutti che esiste. Eccome se esiste.
Io le ho dato un nome.
Si chiama Amanda.
"Amanda che te le manda"

Settimana scorsa ha piovuto. O meglio, diluviato, e chi è Milanese sa cosa vuol dire il traffico con due gocce d' acqua.
Si immobilizza.
E si aprono le gabbie dei coglioni.
Di chi per forza deve fare il figo, e superarti a ottanta in una strada a carreggiata singola, facendoti la doccia con un'ondata anomala a causa delle pozzanghere, e di chi crede che con l'acqua la strada cambi, diventando un labirinto infestato di ordigni esplosivi.
Imbecilli.
Vorrei tanto avere un Uzi sul sedile passeggeri, in queste occasioni, invece di tanti pinguini.


Comunque... durante "L'acquazzone" - con la "L" maiuscola - il tergicristallo si gira con un rumore minaccioso e metallico, rigandomi il vetro.
Io ho tre tergicristalli. Avevo all'incirca il 30 % di possibilità che si rompesse quello davanti, e il 50% che fosse quello di sinistra.
Quale si è spaccato?
Quello davanti di sinistra.

La chicca?
Nel tentativo si sistemarlo, tra bestemmie e imprecazioni colorite, mi è rimasto in mano. Erano le 19:37 di Lunedì, ed ogni cazzo di negozio / meccanico, in centro a Cologno, era già chiuso.


Dopo una settimana il diluvio è passato, e con lui il peggio del traffico Milanese. Ma, stranamente, mi accorgo che le luci non vanno più.
Perchè?
Erano inondate di acqua.
E ora io mi chiedo: come cazzo ci può entrare dell'acqua in fari che sono verticalmente attaccati ad una carrozzeria?
Ma, a parte questo dettaglio, "Drenato" il danno da un cristiano di buon cuore, in più scopro che una luce mi è andata a puttane.
Erano le 07:25 di un lunedì mattina.
E già sapevo che sarebbe stata una settimana di merda.


Oggi. Una bella mattina di nebbia milanese, esco dal parcheggio e vado addosso ad un camion.
Lui immacolato.
La seicento gibollata.
E io?
Incazzata come una bestia.


Alla mia macchina ho dato un nome.
L'ho chiamata Amanda.

Ma, ultimamente, abbiamo avuto un po' di problemi.
Ora cercheremo di risolverli.
Nel frattempo le cambierò sicuramente il nome.
Sia mai che sia quello a portarmi sfiga.