mercoledì 20 luglio 2011

Harry e .. se Dio vuole .. Avada Kedavra! ( Parte 1 )

In collaborazione con EmmeVi




Mi sembrava d'obbligo scrivere due righe su Harry Potter dal momento che siamo finalmente arrivati alla fine. Forse. Non è detto. Si spera. Vedremo.
Chissà.

Sole, cuore, amore.

Per tutti i Fans sfegatati, andate a leggere un altro blog, perché qui si critica un sacco. 
E per tutti quelli che non hanno ancora visto il film al cinema, attenzione perché qui ci saranno - Piton viene ucciso come uno stronzo da Voldemort - SPOILERS.
E comunque, Ron sposa Hermione.
Ma andiamo con ordine.

Se siete ancora qui, è perché volete leggere qualche parolaccia e qualche idiozia su quello che avete visto per farvi due sane risate. In quanto lettrice del libro ho ritenuto il film una grande e colossale, epica, fantasmagorica, merda. Ma per voi comuni plebei che magari il libro non lo avete neanche trovato sullo scaffale - consiglio un accio libro - questo potrebbe essere il film dell'anno.

Partiamo dall'inizio. Considerando la scomodità di aver visto un film all'anno, magari la gente non si ricordava alla perfezione - non tutti siamo pazzoidi che sanno a memoria film, libri e battute - cosa era successo prima della fine. Un riassuntino di dieci secondi non avrebbe bruciato le retini a nessuno. Anche con il fottuto 3D!
Però non c'è stato, ma non importa, siamo persone che si adattano facilmente. 
Se vi serve ve lo faccio io il riassunto:
HarrydevetrovaregliHorcruxepertuttoilfilmscappatramontagneeboschimentreHermioneglisalvailculoeRonrompeilcazzo.

Adesso siamo pronti. Scena iniziale, d'atmosfera, molto fica, ci è piaciuta. Tre secondi spesi bene, con un Piton nostalgico che è una chicca per chi sa. Un illuminato che si è già fregato il finale con il libro, riuscirà a cogliere il vero significato di Severus mentre guarda gli alunni nazi marciare nel cortile. Per tutti gli altri sarà un preside fascista che il triangolo l'ha considerato eccome. Però, il perché di tutta quella nebbia non l'abbiamo capito - forse fa atmosfera - e nemmeno la presenza degli alunni nonostante l'apocalisse preannunciata già da due film. L'unica è pensare che siano stati obbligati. 
O forse si sono persi.
Troppa nebbia.

Bla bla bla, siamo a Villa Conchiglia, ci sono accordi per bla bla bla, dove Olivander è credibile come Wanna Marchi. 
" Esistono i doni della Morte? E piantala di ascoltare le bacchette, ascolta me, cazzo!"
" Ahem...no...sì... bho...forse, mah, chissà...eggià...."
Tre secondi ed harry, che non brilla per intelligenza, coglie la cazzata e capisce che c'è qualcosa che non va. Quindi sì, diciamolo a voce alta, i doni della morte esistono, e sono tra noi.
Ma non abbiate paura, c'è Harry a proteggerci.

"Magicamente" arriviamo in banca, Hermione è Bellatrix, Ron è un barbone, Harry è... dov'è Harry? Harry è con il Foleltto. Porcellini.
Dai film precedenti abbiamo capito due cose:
- Che Voldemort sta inseguendo Harry - e non c'è bisogno che Olivander ci illumini con queste perle. Lo sapevamo al ventesimo minuto della Pietra Filosofale. 
- Che alcune magie sono più cattive di altre, e che tre è meglio non usarle, altrimenti hai un biglietto di sola andata per la prigione. E niente venti euro anche se passi dal via. Le maledizioni sono, per chi non le ricordasse, Crucio, Imperio e Avada Kedavra - che tratteremo più avanti - 
Fino a questo momento tutti si sono sentiti troppo buoni per usare la magia oscura, mentre in questo film - soprattutto in banca - sembra la Sagra dell'Imperio. Persino Ron si sbizzarisce contro il folletto di turno. 
Ma lasciamolo fare, poraccio, che è sempre stato il rosso incompreso.
Comunque sia, fanno quello che devono fare in banca, acchiappano l'Horcrux e scappano volando su un drago. Quando atterranno, prima di fare lo spogliarello a turno - tranne Hermione che è pudica - si passano un po' di Amuchina a testa. 
L'igiene prima di tutto. E a noi va bene, siamo ragazzi puliti, però... ci sono cose più importanti, al momento, che sconfiggere i batteri. Mi sembra. Ma non so, potrei sbagliarmi.
Nel libro c'era un perché, i tre si erano ustionati a causa di un incantesimo nella camera blindata, ma qui è stato tagliato, quindi questo passaggio di liquido non ha senso. Il cinema ci ha riso sopra, e io con lui.

E' giunta l'ora di tornare ad Hogwarts. I tre si materializzano nel villaggio, perché sono furbi e non ci sono guardie ad attenderli. Fanno scattare l'allarme. Scappano. Strano, non lo fanno mai.
E poi, all'improvviso.... un cancello!
Damn! Proprio non ci voleva. Questo sì che è un ostacolo insormontabile. Quasi a pari merito con i batteri. Forse più cattivo, perché non c'è amuchina che possa batterlo. Quindi? Come fare?
No, aspetta. La nebbia si sta dissolvendo. 
E appare un trafiletto di Wikipedia.


Bla bla bla, cose noiose. Andiamo a quando accadono le coseficche.
Sprecherò una riga solo per dire: Minerva McGranitt rulez! Che si gasa per i giganti di pietra. 
Poi di nuovo il nulla, e improvvisamente ecco come vengono spesi minuti preziosi per una scena totalmente inutile. Dal 43' al 48' Harry insegue, parla, prega, ama, sole, cuore, amore, il fantasma della Dama Grigia di Corvo Nero. Una donna, confusa, che non dice assolutamente nulla di utile:
" Se devi chiedere, non lo saprai mai. Se lo sai, devi solo chiedere "
Deve aver preso lezioni da Silente. Però, contrariamente alle nostre aspettative, Harry capisce, e corre - di nuovo - cercando di darsi una mossa.
Tranquillo, hai solo perso cinque minuti di tempo prezioso. 
La gente non sta morendo.
Vai tra.

Mentre Harry corre, corre e va, giù per la città, Hermione e Ron si baciano. Al cinema è scattato l'applauso, me lo aspettavo, però un minuto alla Dama Grigia l'avrei tolto per metterlo qui. Gli altri ce li giochiamo più avanti. 


Lupin e Tonks fanno esercizi per le braccia, i Giganti sono pronti alla battaglia, a Voldemort si sminchia la bacchetta di Sanbuco, Harry ha le visioni, e c'è ancora gente che corre accazzo per i corridoi.
Ma vogliamo fare le cose in maniera ordinata? Capisco il panico, ma siete maghi, cazzo! 
Una lezione sull'Avada Kedavra io l'avrei fatta, in quei venti minuti a disposizione.
Chi si salva, bene, gli altri... sono solo comparse.

Siamo nella Stanza delle Necessità, Harry deve trovare il diadema della stronza, ah no, scusate, della Dama Grigia. Chiaramente ora non ci sono solo due cianfrusaglie, ma il mondo intero di oggetti. Fortuna che Harry sente le voci, e sa dove deve andare. Tutto bene fino a quando Goyle, Draco e "ilneronuovo" - entrato al posto di Tiger perché l'attore è in galera, quella vera, senza dissennatori - entrano e appiccano il fuoco. Goyle dovrà morire al posto di Tiger, ma noi non fa nessuna differenza.



Saltiamo alla morte di Piton. Il personaggio migliore della saga, che muore da idiota. Il racconto della sua vita è confuso e breve, un paio di minuti alla Dama Grigia li avremmo messi qui. 
Si parla tanto degli occhi verdi di Lily.
Primo piano di Lily piccola. Occhi marroni.
Ci piace questa attenzione dei dettagli.




Flashback
Piton amava Lily.
Lily amava James. 
Lily non la da a Piton. 
James si bomba Lily.
Papapaparapapara
Tun Tun
Pappaparara ( Sigla Beautiful ) 

E come ogni buona soap opera:
... continua.