martedì 16 ottobre 2012

50 sfumature di grigio








Eccoci qui. Presenti e coscienti in questa valle di lacrime che oggi chiameremo “ Cinquanta sfumature di Grigio “.
Avviso chi si sta per avventurare nella lettura di questa pseudo recensione – del tutto personale e a tratti volgare – che se siete fan sfegatati del libro, se avete problemi nell'accettare o condividere pensieri altrui e vostri, o semplicemente avete amato in maniera del tutto incontrollata queste 680 pagine, l'autrice, la grafica della copertina, e via dicendo, NON leggete quanto segue. Potrebbe nuocere alla vostra salute. E alla mia, che poi devo trattenermi e non posso insultarvi, che sono una persona educata.Detto questo, prendete atto del fatto che questo libro non è un libro, e andate avanti. Ah, potrebbe esserci qualche Spoiler, quindi se dovete ancora leggerlo, di nuovo, fermi qui!


Perché l'ho letto?
Già, perché? Me lo chiedo, e mi rispondo: perché ne parlavano tutti.
Risposta ignorante.
Lo so.

Ma avendo un animo stracciacazzo e polemico, non potevo evitarmi questa recensione, perché in realtà il gioco è tutto qui: leggere e vedere cose brutte, per poi riderne con gli altri.
Fermo restando che rispetto tutti coloro che l'hanno letto e l'hanno trovato il libro dell'anno, io devo comunque dire la mia, e la mia è riassumibile in una sola parola: Merda.
Questo libro è una merda.
Nella sua globalità, è una vera e colossale merda. 
Non so se è chiaro. Quindi andrò a spiegarmi meglio.

Non abbiamo una storia, è scritto male, i personaggi sono stereotipati e del tutto privi di senso, il contorno non esiste, e l'erotismo... già, l'erotismo?
Ce l'hanno venduto come il libro delle porcate dell'anno, e io qui di grosse zozzerie non ne ho lette. A parte qualche sculacciata ogni tanto, che... voglio dire... davvero?
E' una sculacciata, per Dio, non le ha infilato un ombrello su per il …! 
Ci siamo capiti.
Ho letto Harmony più pornazzi, libri non di genere che usavano parole più scabrose. Anche la settimana enigmistica ha vignette più scatologiche di questa robaccia.
Perché è robaccia, capiamoci.

Lei, Anastasia. Vorrei spezzare una lancia in suo favore, o cinquanta magari, così ce la togliamo di torno e ci evitiamo 680 pagine di nulla assoluto. Lei... ingenua e giovane, pura e vergine, distratta e maldestra, è il ritratto di tutto ciò che è semplice e inconsapevolmente perfetto. 
Quanti schiaffi.

Lui,   Cristian Grey, amministratoredelegatodellaGreyEnterprisesHoldingsInc.  Grey, di cognome fa Grey ( perché il grigio, in qualche modo, deve trovare un perché in tutto questo ) ha gli occhi grigi ( maddai ) e i capelli setosi ( !!! ), un profumo inebriante, braccia vigorose, corpo alla David di Michelangelo, affascinante in tutto il suo magnifico splendore. Ci illumina la via al solo passaggio. Ricco, bello da togliere il fiato, pericoloso e misterioso, giovane e sicuro di sé: la perfezione divina in un corpo statuario. Mavatteneaffanculo va. David di 'sta ciufola.




Trama:
Lei incontra Lui. 
Trombano.

Trama più nel dettaglio per chi non si accontenta:
Lei incontra Lui, anzi no, perdonatemi. Lei – per fare un favore all'amica giornalista malata, si presenta nell'azienza superipermiliardaria di Lui a intervistarlo – supera la porta del suo ufficio e si sfracella sul pavimento. E' amore a prima vista. No, purtroppo non del pavimento, ma tra i due. Le frasi di lei sono un turbinio di complimenti melensi che la fanno bagnare con un solo sguardo ( perché lui ha gli occhi Grigi, micacazzi ), mentre lui è uno stoico pezzo di merda, ricco e saccente, che cade nella rete di questa idiota perché... già, perché?
Non lo so, non l'ho mica capito. 

Non vi ricorda niente?
Niente niente?
Dai, lei maldestra e ingenua, lui pericoloso e ricco.
Pensateci un attimo.
Esce il quarto parte due a breve.

Esatto, loro. Bella ed Edward, uguali uguali. Solo con qualche frustino in più – che non usano, tra l'altro – e qualche sculacciata in meno di quella che ci aspettavamo. Pare che – queste sono voci di corridoio – questo fantastico libro non fosse altro che una bella Fan Fiction di Twilight, rimessa a nuovo, comprata e data in mano alla James per farne questo... questo... libro. 
Cavolo, c'è del talento.
E ne ha sfornati ben tre! In arrivo anche il quarto.
.. Quando una è brava.

Comunque, i due si incontrano, si piacciono, c'è aMMore, però lui ha gusti un po' strani, lei è leggermente vergine, quindi qualche intoppo iniziale c'è. Qualche intoppo che dura fin troppe pagine ( un buon 27% di e-book, che in pagine non so quante siano, ma tante. Troppe ).
Il problema lo risolvono firmando carte e scendendo in accordi, una postilla qui, una postilla lì, nei giorni di mestruo no, tre week end al mese, la roba nel culo no, la roba nel culo sì, e così via fino al 39%. Poi il risvolto, arriva la parte erotica uuuh, lui sculaccia lei, lei piange, lui la coccola, e dormono insieme viciniviciniavvinghiatiabbracciatiteneriecoccolosi.
Io, a questo punto, un po' la voglia di lanciare il Kindle dalla finestra l'ho avuta.

Poi ho pensato che potevo uccidere – o ferire gravemente – qualcuno, e spiegare alla polizia che era per colpa di un libro di merda mi sembrava una giustificazione un po' ridicola.
Quindi ho evitato. Ma solo per quello!

Cara James, la tua fortuna è che la gente non vive più in mezzo ai boschi, altrimenti i tuoi libri sarebbero finiti tutti in pasto ai lupi. RINGRAZIA!!!

Le parti comiche, comunque, non si sprecano di certo. Ne abbiamo diverse, a voi la scelta. Da una parte i dialoghi di una profondità impressionante, dall'altro eventi logici e concreti che si susseguono uno dopo l'altro senza lasciarti il tempo di capire cosa stia accadendo, tanta è l'euforia di andare avanti con la lettura.

I dialoghi, parliamo dei dialoghi:


- Lui: Mangia! Non morderti il labbro! Ti scopo a sangue! Ti sculaccio, ocio! Magia! Dormi! Caga! Sole cuore amore! Oh, finta. No, ora ti sculaccio davvero! No, finta! Oh, occhio, arriva la sculacci... no, fingevo di nuovo.

- Lei: E' così bello da togliere il fiato. Vorrei che fosse qui. Oh, sì, toccami li'. Li'. LI'! Vorrei toccarlo. Perché non si fa toccare? Oh, odora di sudore, sudore e bagnoschuma. Ooooh, sì, ha proprio lo sguardo strappamutande.

- Lui: Devi fare quello che dico, se sgarri ti punisco.
- Lei: Oh sì, vengo.
- Lui: M-ma, non ti ho toccata, Anatasia.
- Lei: Ah no? Beh, non importa, vengo uguale.

- Lui: Cosa mi hai fatto, Anastasia, mi hai stregato!
- Lei: Io?
- Lui: Sì, tu, mi hai stregato, mi hai cambiato.
- Lei: Macchi, io?
- Lui: Sì, tu. Sei unica, sei perfetta, sei strabiliante, e ciucci i cazzi da Dio!
- Lei: Da Dio? Non abbiamo mai scopato da Dio, così, un ristorante? Fanno sushi?

- Lui: Ti comprerò dei vestiti, che sembri una pezzente.
- Lei: No.
- Lui: Sì.
- Lei: No.
- Lui: Sì.
- Lei: Ah!
- Lui: Oh!
- Lei: Godo!
- Lui: E fanno sette!

- Lei: Perché non ti piace essere toccato?
- Lui: Perché dentro ho cinquanta sfumature di tenebra.

Ebbene sì, questa ultima frase è vera, non me la sono inventata.
 Ora capite? CAPITE?!?



Comunque, nel complesso – non so se si è capito – è un brutto, brutto, libro, ma sono soddisfatta di me stessa per averlo letto, ora posso sparlarle quanto mi pare. C'è di buono che è così insulso, che va via veloce, e anche in qualche ora si può “far fuori” senza troppa sofferenza. Si potessero far fuori anche i protagonisti con così tanta facilità, sarebbe meglio, ma tant'è.
Non si può avere tutto dalla vita.

Ora lancerei, no, non il libro dalla finestra, ma un appello.

A tutte le persone che questo libro è piaciuto. Senza insulti, senza polemiche gratuite, senza pregiudizi ( e sono seria! ) mi spiegate perché e cosa vi è piaciuto?
Così, in amicizia.

E speriamo che non ci facciano il film.
Ma chi vogliamo prendere in giro.
Certo che lo faranno.
Due, tre, forse quattro.
E allora ci diamo appuntamento tra un anno, per criticare anche quello.



Io avrei scritto un libro molto più porco, comunque.
Ma anche il mio gatto. E senza troppo impegno.